Sì è svolto in un clima familiare e gioioso la festa delle Suore Calasanziane il 24 giugno, giorno nel quale, con cuore felice, hanno reso Grazie a Dio per i tanti doni ricevuti dalla Congregazione, dai bambini e dagli amici, nel corso degli anni. Sono diversi gli eventi significativi che abbiamo ricordato in questo giorno splendido: 130 anni dalla nascita della Congregazione, 15 anni dall’arrivo nella diocesi di Carei e dall’apertura della prima casa e 10 anni dall’inizio delle attività del Centro diurno. La festa certamente ha avuto inizio con la Santa Messa con la quale tutti insieme abbiamo ringraziato il Signore per questi anni passati, per tutto ciò che abbiamo vissuto durante questo cammino e per tutte le persone che in qualsiasi modo hanno aiutato nella realizzazione di questo progetto di Dio, chiedendo anche la Sua benedizione per il futuro di questa grande famiglia. La Santa Messa è stata presieduta da Mons. Schonberger Jeno, vescovo di Satu Mare, insieme a Padre József Ruppert, scolopio, e altri sacerdoti della diocesi. La Cappella dell’Oasi ha ospitato molti amici e bambini che sono ospiti attualmente della struttura, ma per la gioia e soddisfazione di tutti sono tornati anche quelle ragazze e bambini che ormai avevano lasciato il nido dell’Oasi per costruire la propria vita, la propria famiglia. Per loro e per i bambini di oggi, Sr. Tunde, Sr. Giuditta, Sr. Agnes e Sr. Bori sono parte della loro famiglia, perché sono state loro che hanno assicurato e continuano ad assicurare un’infanzia spensierata e un’educazione adeguata perché tuti possano affrontare la vita. Lo stile di vita e di missione delle Suore per nulla è cambiato, neanche dopo il trasferimento nella casa nuova per offrire un servizio a un maggior numero di minori in difficoltà (compresi i maschietti, mentre prima gli ospiti erano solamente femmine). Così la grande famiglia di piccini e grandi ha potuto partecipare anche ad un momento importante e significativo durante la celebrazione: la rinnovazione dei Voti delle Suore. L’omelia è stata affidata a Padre Ruppert che, sin dall’inizio, aiuta e sostiene il lavoro delle suore e torna sempre volentieri per visitare l’oasi. Nella sua omelia ha illustrato la vita di San Giovanni Battista mettendo anche tratti del cammino di vita di San Giuseppe Calasanzio e della Madre Celestina, per arrivare alla storia della Comunità delle Suore Calasanziane a Carei. Ha cercato di scoprire e a far scoprire ai presenti in tutto ciò il meraviglioso disegno e la volontà di Dio Padre. Ha sottolineato che tante persone a volte attribuiscono al caso alcuni avvenimenti della loro vita, mentre leggendolo nell’insieme si può scoprire il progetto di Dio. Ha augurato alle Suore di avere sempre un cuore attento e aperto alla chiamata di Dio e alle novità che si aprono nelle nostre vite. Mons. Sconberger Jeno, alla fine della celebrazione si è congratulato con le suore per la loro missione e ha salutato Padre Ruppert, ricordando il suo compleanno vicino e lo ha anche ringraziato insieme alle suore per la sua preziosa presenza e collaborazione. Dopo la Santa messa tutti i presenti, insieme alla comunità, hanno pranzato e si sono trattenuti anche nel pomeriggio discorrendo e godendo la gioia dei più piccoli che partecipavano a dei giochi all’esterno, organizzati per loro. C’erano i castelli e giochi gonfiabili, attività creative e molti altri giochi che hanno fatto riempire l’oasi di tanta allegria e delle voci di bambini felici sotto lo sguardo degli adulti che provano gioia e gratitudine nel poter far parte di questa famiglia.  

Si continuas utilizando este sitio aceptas el uso de cookies. más información

Los ajustes de cookies de esta web están configurados para "permitir cookies" y así ofrecerte la mejor experiencia de navegación posible. Si sigues utilizando esta web sin cambiar tus ajustes de cookies o haces clic en "Aceptar" estarás dando tu consentimiento a esto.

Cerrar